fbpx


 

 

In ambito sanitario, per legge, i soggetti di età superiore ai 16 anni sono considerati adulti. Ed ecco che la vita dei genitori di Martina, già non facile, è diventata un inferno con gli anni. Martina è fisicamente una bambina, anche se a maggio compierà 21 anni. È affetta da sindrome di Cornelia De Lange, ovvero scarsa crescita post-natale in peso ed altezza con gravi malformazioni a carico delle mani. Ieri i genitori si accorgono che Martina ha un problema al bacino. Per la seconda volta una frattura. Corrono all’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, comune in cui vivono, ma lì non può essere curata, perché mancano le strumentazioni pediatriche adeguate. I medici dispongono il trasferimento a Palermo, ma nessun ospedale accoglie la richiesta.

Da ieri quindi Martina è bloccata all’ospedale di Sciacca. A seguito di un appello postato dalla madre su fb si è mobilitata la parlamentare del PD Maria Iacono che ha contattato l’ex deputato Antonino Mangiacavallo, commissario all’ospedale San Raffaele di Cefalù, che è intervenuto. Martina verrà trasferita domani a Cefalù, quando  finalmente sarà disponibile un posto per lei.