L’argomento del degrado del litorale sanleonino è stato al centro di amare riflessioni da parte del sindacato balneari /Confcommercio di Agrigento ed ha trovato spazio in una assemblea che si è tenuta ieri pomeriggio alla presenza degli operatori turistici del litorale Agrigentino,  dei concessionari e  gestori di stabilimenti balneari e chioschi. Un litorale, come è stato ribadito dagli operatori turistici, di incomparabile bellezza lasciato agli speculatori, alla rapina delle spiagge e all’inquinamento delle acque. Gli operatori turistici agrigentini chiedono collegamenti urbani ed extraurbani  alle struttura balneari, le concessioni demaniali ed in particolare la proroga e i rinnovi al 2015 ma anche attività connesse  alla balneazione, ovvero, intrattenimento, sport e spettacoli e, di certo è la richiesta più importante, la pulizia delle spiagge e il controllo di inquinamento delle acque. Ad aprire i lavori il presidente di  confcommercio|imprese per di Agrigento Calogero Bellavia seguito dall’intervento del presidente regionale del sindacato balneari, Giuseppe Saffo.