Aveva stipulato il contratto di assicurazione dell’auto con una società straniera “Euro Insurances”. Fermato ad un posto di controllo della polizia, è stato accertato, che la polizza risultava fasulla e la società inesistente. Per l’incauto automobilista è scattata la denuncia per l’ipotesi di reato di truffa e falsa scrittura privata. E’ accaduto l’altro ieri sera nella località balneare di San Leone. Un nisseno in compagnia della moglie, è stato fermato per un controllo, dai poliziotti della sezione Volanti. Tutto a posto, se non fosse stato per il nome della società di assicurazione, che ha insospettito gli agenti. Poco convinti, hanno voluto vederci chiaro. Attraverso la sala operativa della Questura di Agrigento, è stata effettuata una ricerca per verificare la posizione assicurativa dell’automobilista. Da accertamenti espletati, i poliziotti hanno accertato che l’auto era sprovvista di assicurazione, perchè mai stipulata. Quel tagliando era falso e la società inesistente. Il nisseno ha spiegato agli investigatori, che aveva stipulato il contratto di assicurazione a Caltanissetta. Le indagini hanno consentito di appurare, che ad altri proprietari di auto, era toccata la stessa sorte. Nel capoluogo nisseno dell’ufficio legale della società “Euro Insurances” non c’è ombra. La polizia è certa che si tratti di una società fantasma. Del caso è stato informato l’Isvap, l’Istituto di Vigilanza per le Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo, che ha confermato come la “Euro Insurances” può essere erroneamente scambiata per la “Euro Insurances Limited”. Quest’ultima è una società irlandese, che assicura esclusivamente contro i rischi che derivano dalla circolazione di flotte di veicoli a motore. Dell’altra non c’è traccia. Insomma, occhi aperti e come sempre prima di stipulare un contratto, l’automobilista deve accertarsi, che l’impresa assicurativa non solo esista, ma anche che sia abilitata a contrarre l’Rc auto nel nostro Paese.