Il coro è unanime:“Torni la processione di San Caló”. L’appello è del comitato per il recupero delle tradizioni popolari di Agrigento sottoscritto da oltre 30 personalità del territorio. Da aprile, con la fine dello stato di emergenza,è possibile autorizzare i comitati delle feste religiose a svolgere le loro attività e riprenderanno le processioni, con la presenza di volontari che garantiranno il rispetto delle norme anti- covid. Ed in questa direzione che il Comitato si rivolge alle autorità civili e religiose per la imminente organizzazione della festa di San Calogero affinché il simulacro torni tra le strade e le piazze del suo centro storico. Una festa che, quest’anno- dice il comitato- puo’ essere autorizzata dalle autorità civili e religiose, nel rispetto di particolari prescrizioni stabilite, coinvolgendo tutti i soggetti maggiormente responsabili a partire dall’ Associazione dei portatori ed il suo Direttivo, dalla Confraternita e dalle Associazioni musicali (Bande e Tammura di Girgenti) e Comitati interessati”. L’appello lanciato dalle personalità agrigentine, che conoscono bene il culto della festa di San Calogero, “intende rimarcare l’importanza della festa popolare di Girgenti per conservare e tutelare le genuine tradizioni popolari della città di Agrigento”.