fbpx

Un colpo di pistola alla mano per un settantenne, due trentenni rimasti lievemente feriti a causa dei botti e un giovane con lievi ustioni – sempre alle mani – per colpa di uno o più petardi. Sono 4 i feriti – finiti negli ospedali di Agrigento, Canicattì e Licata – della notte di Capodanno. Una notte che però, tutto sommato, è stata – e per fortuna – relativamente tranquilla. All’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento è finito un ragazzo che ha riportato – pare a causa di petardi – delle lievi ustioni ad una mano. Nulla di grave, per fortuna, tant’è che i medici dopo le medicazioni di rito lo hanno dimesso. Al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata è, invece, finito un settantenne di Palma di Montechiaro. L’anziano è rimasto ferito ad una mano da un colpo di pistola. A suo dire, pare che stesse ripulendo l’arma quando, accidentalmente, è partito il colpo che lo ha ferito. Dell’episodio, per fare chiarezza, si stanno occupando i carabinieri.

Due invece i trentenni che sono rimasti feriti, in maniera lieve per fortuna, a Canicattì e che sono finiti in pronto soccorso. A quanto pare, i due giovani sarebbero stati raggiunti e colpiti da dei botti mentre erano fermi ad un distributore di carburante.