Scene più uniche che rare sul litorale saccense dove uno squalo verdesca, una mamma squalo per l’esattezza, ha partorito 4 cuccioli. Non sono mancate le difficoltà: lo squalo stava per morire. In suo soccorso sono arrivate, sulla spiaggia di San Giorgio, quattro donne che casualmente si trovavano a passeggiare nei dintorni. Subito la chiamata alla capitaneria di Porto di Sciacca. Protagoniste dell’episodio sono state la francese Marise La Barbera, la tedesca Doris Ackermann, la saccense Palmina Maggio e l’algerina Sabah Benziadi. Due agenti della Guardia Costiera, arrivati sul posto, sono riusciti a trascinare lo squalo, con i piccoli al traino, fino a fargli riprendere il largo, mettendoli così in salvo. Domenico Macaluso, direttore scientifico del WWF Sicilia Area Mediterranea, subacqueo e ricercatore di Ribera, afferma: “L’evento è straordinario sotto tanti aspetti, sia per la singolarità del parto avvenuto a pochi metri dalla battigia sia per l’epilogo positivo della vicenda. Bisogna chiarire che la verdesca non è un mammifero, ma un pesce cartilagineo ovoviviparo, la cui fecondazione delle uova e lo sviluppo degli embrioni si compiono direttamente nel corpo materno, pertanto non si tratta di un vero e proprio parto. Vorremmo sperare che l’episodio di spiaggiamento di oggi pomeriggio non sia legato agli effetti del riscaldamento globale, un fenomeno che sta stravolgendo anche l’ecosistema dello stretto di Sicilia”.