fbpx

Sono passati 4 mesi dall’incendio che ha causato l’evacuazione della palazzina di via Unità d’Italia, ad Agrigento. Gli inquilini del civico 49 sono fuori dalle abitazioni dallo scorso mese di giugno e non ci sono buone notizie su un rientro imminente. Secondo il giornale “La Sicilia” servirebbero 150mila euro per la rimozione delle macerie e la bonifica dalla plastica bruciata e dagli altri materiali e più 400mila euro per ripristinare l’edificio danneggiato dalle altissime temperature raggiunte nel magazzino occupato da un’azienda di materiali plastici.Solo compiuti questi passaggi si potrà effettivamente revocare l’ordinanza e consentire alle famiglie di tornare a casa. Sul rogo che ha devastato i magazzini della “Commer Sud” c’è un’inchiesta della Procura della Repubblica di Agrigento che ha disposto il sequestro dell’intero immobile. Una delegazione degli sfollati, lo scorso mese di luglio, si è radunata nell’ampio piazzale su cui si affaccia la palazzina sequestrata. In molti si sono sentiti abbandonati dalle istituzioni che, secondo gli inquilini, non stanno offrendo nessun aiuto.